Aliti di vento

Eri lì
di fronte a me
lontana ormai
eppure
distante pochi metri
ed il cuore sobbalza
i tuoni rombano
fulmini che,
come lame di fuoco
penetrano l’ anima
e tu immobile, in attesa
ti guardavi intorno e
non mi vedevi
nascosto come un ladro
ti osservo ferma
innazi a me
distendo una mano
ti sfioro i capelli
e mentre ti scosti pensi
ad un alito di vento
che s’ intreccia nella chioma
mentre io
come un fantasma mi aggiro
tra i gradini della stazione
io non esisto, non esisto
così mi convinco
che tu non possa scorgermi
cos
ancora una volta io
riesco a giungere a te
accarezzandoti l’ anima…