Ieri, oggi, domani…

                                     
                  PER NON DIMENTICARE.E PER NON FAR FINTA DI NULLA…
                                                                IERI COME OGGI
                                            
È una necessità storica ricordarsi che, quando il comandante supremo delle forze alleate, generale Dwight D. Eisenhower, vide le vittime dei campi di concentramento, ordinò che fosse scattato il maggior numero di fotografie e che fossero fatti venire gli abitanti tedeschi delle vicine città per vedere la realtà dei fatti e che fossero costretti a sotterrare i corpi dei morti.
                                   

                                                             

                                             

Il motivo, lui spiegò:“Che si abbia il massimo della documentazione possibile, che si realizzino registrazioni filmate, testimonianze, perché arriverà un giorno in cui qualche idiota si alzerà e dirà che tutto questo non è mai successo”

                                               

                                           

"Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male, è che gli uomini buoni non facciano niente" (Edmund Burke)

                                            

                                                

Sono passati più di 60 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.in memoria dei 6 milioni di Ebrei, 20 milioni di Russi, 10 milioni di Cristiani e 1900 preti cattolici che sono stati assassinati, massacrati, violentati, bruciati e umiliati.Adesso come non mai che molti stati sostengono che l’Olocausto sia un mito, diventa imperativo fare in  modo che il mondo non dimentichi.

                                                                

Ieri,esattamente come oggi, le stesse cose, gli stessi dolori…non dimentichiamo, non facciamo finta di non vedere ciò che e’ accaduto e continua ad accadere…oggi c’e’ chi mette in dubbio il passato, l’ oggi verra’ messo in dubbio tra altri sesant’ anni se non facciamo qualcosa, ricordiamocelo.

                                                                                      Per lei…

                                                                          

                                                                                      per lui…

                                                              

                                                                                          per loro…

                                                         

                                            …l’ indifferenza è e restera’ sempre un crimine…facciamo qualcosa!!!
Apprendere che nella battaglia della vita si può facilmente vincere l’odio con l’amore, la menzogna con la verità, la violenza con l’abnegazione dovrebbe essere un elemento fondamentale nell’educazione di un bambino.(Gandhi)