Rive

Onde impetuose
si scagliano nella notte
con forza brutale
violentan le coste
alte, imperiose
fanno paura
di certo la tempesta
non si vuole placare
io dalla riva la osservo stupito
passano mesi, non sò piu che fare
mentre guardo i flutti che viaggian veloci
come una corsa a chi non si sa fermare
ed io immobile non so piu cosa dire
di fronte a tanto bellicoso viaggiare
penso, ripenso, ma ti ho sempre in mente
se fosse possibile mi farei levare
quel pezzo di cuore che parla di te
e tutti i ricordi che fomentan le onde
passano i giorni
passan le ore
non parlo ormai molto
scrivo ancor meno
ormai riesco a stento
a fare ben poco
ti leggo sempre
ti penso al mattino
la sera io prego
perche’ almeno una notte
io la passi dormendo
senza sognarti
eppur lo sentivo
eppur lo sapevo
che era di un mare
questo triste destino…