Aggiornameto sul terremoto in Abruzzo 1 ora fa

Terremoto in Abruzzo: 92 i morti accertati. Aggiornamento ore 1530
Scossa di magnitudo 6.3 Richter ha colpito poco prima delle 3.30. Interi paesi distrutti
L’AQUILA, 6 aprile – Un terremoto di 5,8 gradi della scala Richter è avvenuto alle 3,32 con epicentro in Abruzzo, a circa 10 km dall’Aquila. La scossa è stata nettamente avvertita in tutto il centro Italia. Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, ha dichiarato che un sisma di questo tipo è considerato «moderato, con un’intensità 30 volte inferiore a quella che nel 1980 devastò l’Irpinia». Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha rinunciato al viaggio in Russia per volare subito nella zona della tragedia.
BILANCIO – Un primo bilancio parlava di oltre 50 morti accertati, centinaia di feriti e 50 mila sfollati. Poi, però, i soccorritori hanno annunciato che il numero delle vittime sarebbe molto più alto: si parla di 92 morti. E secondo il ministro dell’Interno Maroni e il presidente del Consiglio Berlusconi, il bilancio è destinato ad aggravarsi. Tra le vittime ci sono almeno cinque bambini. Sono centinaia gli edifici crollati completamente o in parte, migliaia quelli lesionati e inagibili. Gli sfollati potrebbero essere 45-50 mila.
FIGC SOSPENDE TORNEO DELLE REGIONI – Il presidente della federcalcio, Giancarlo Abete, in conseguenza del terremoto ha deciso di sospendere il Torneo giovanile delle Regioni, in programma in questi giorni in Abruzzo. Il programma di oggi della manifestazione prevedeva la prima partita alle 10.30 a Pescara. Il presidente della Lega dilettanti Carlo Tavecchio ha annunciato che per il prossimo fine settimana è stato sospeso in Abruzzo il campionato dilettanti. Tavecchio ha anche confermato che è stato deciso di sospendere il Torneo delle Regioni, in programma in questi giorni in Abruzzo e che riguarda anche calcio femminile e calcio a cinque.
PETRUCCI: «VICINI ALLE FAMIGLIE» – «La parte importante, vista la drammatica situazione, è stare vicino alle famiglie. La parte sportiva viene dopo». Il presidente del Coni, Gianni Petrucci, si dice vicino ai familiari delle vittime del terremoto che nella notte ha colpito l’Abruzzo: «Tavecchio ha fermato il Torneo delle Regioni. Il Coni è presente. Accertiamo i danni e non vogliamo fare dichiarazioni sull’onda emotiva».
PESCANTE: «OFFRIREMO STRUTTURE ALL’APERTO» – Lo sport tende una mano a L’Aquila. I Giochi del Mediterraneo in programma a Pescara sono pronti a mettere a disposizione strutture e impianti per far fronte all’emergenza terremoto. «Se verranno chieste, potranno essere messe a disposizione strutture all’aperto, che possano servire per far atterrare gli elicotteri, per parcheggi. A Teramo, a Chieti, ovunque, perchè all’Aquila si sta vivendo una tragedia immane». Lo ha detto Mario Pescante, abruzzese di Avezzano, già deputato di Forza Italia e ora commissario straordinario dei Giochi.
MILAN E INTER SI MOBILITANO – Anche l’Inter e il Milan esprimono vicinanza e solidarietà alle popolazioni dell’Abruzzo gravemente colpite dal terribile sisma della notte scorsa. Le due società milanesi si sono mobilitate per offrire aiuti concreti: l’Inter ha messo a disposizione di tutti i tifosi della zona colpita dal sisma il Centro di coordinamento Inter club al fine di «organizzare in loco eventuali azioni di volontariato». Il Milan invece, attraverso le parole del dirigente brasiliano Leonardo, ha annunciato che «parte del ricavato del Milan Golf Tour verrà devoluto alla popolazione dell’Abruzzo».
RUGBISTI L’AQUILA AIUTANO IN EVACUAZIONE OSPEDALE – L’Aquila Rugby, grande decaduta della palla ovale italiana che attualmente gioca in A/2, è in prima fila con i suoi giocatori, fin dalla scorsa notte, per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. «Ci siamo attivati tutti, e ci hanno utilizzato per evacuare l’ospedale», racconta il direttore tecnico Massimo Mascioletti, gloria del rugby abruzzese e ct dell’Italia ai Mondiali del 1999. «È un vero caos – racconta al telefono Mascioletti con tono commosso –, ma facciamo tutto ciò che è possibile. Durante l’evacuazione il nostro estremo Dario Pallotta (colosso di 1.86 per 96 chili ed azzurro nel rugby a sette n.d.r.) si è caricato sulle spalle una donna anziana con tutta la bombola dell’ossigeno che le serviva per respirare. È una tragedia…».da: http://www.tuttosport.com/
 
…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

THE HUNGER SITE               POR LOS CHICOS