Funerali in Abruzzo

TERREMOTO: L’ITALIA SI FERMA PER I FUNERALI. IN MILIONI DAVANTI ALLA TV
 
 
(ASCA) – Roma, 10 apr – L’Italia si ferma per i funerali di Stato per 205 delle 289 vittime del terremoto in Abruzzo del 6 aprile scorso. A partire dalle 11, con le bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici pubblici e le saracinesche dei negozi abbassate a meta’ in segno di lutto, il Paese si e’ stretto attorno alla regione martoriata dal sisma, o direttamente – si stimano in 5000 le presenze ai funerali alla caserma della Guardia di Finanza a Coppito (AQ) – o seguendo, in milioni, le esequie collettive in televisione.Rai, Mediaset, La7 e Sky, oltre a tutti i siti internet di informazione, hanno trasmesso in diretta i funerali su sei canali diversi. La Rai, su Raiuno fino alle 13.30 e poi con la cronaca del tg1, gia’ da stamane senza interruzioni pubblicitarie. Mediaset, con il tg5 collegato in diretta da Coppito. Sky con i due canali che piu’ hanno seguito in questi giorni le vicende abruzzesi collegati in diretta: Skytg24 e Skyuno. Ancora la Rai, stasera, si colleghera’ con Roma per la tradizionale via crucis del venerdi’ santo, quest’anno dedicata alla citta’ dell’Aquila (Raiuno), e poi, tra l’altro, con uno speciale tg3 linea notte ancora dalle zone del terremoto.Seppure e’ ancora difficile avere una stima concreta, si profilano alti gli ascolti per ogni singola trasmissione, anche se i dati ufficiali non arriveranno prima di domani.Sarebbero comunque milioni gli italiani rimasti incollati davanti alla tv in citta’ e paesi, in uffici pubblici e privati, negozi, bar e organizzazioni sindacali, al Nord come al Sud, i quali, osservato un minuto di silenzio, si sono raccolti in memoria dei morti.Per farsi un’idea, basti pensare che oltre cinque milioni di spettatori hanno seguito il tg1 di ieri alle 13.30 (share del 30,01%) e in oltre sei milioni erano sintonizzati per l’edizione principale delle 20. Molto seguite anche le edizioni del tg2 (3 milioni e 320 mila spettatori, 20,14% di share alle 13) cosi’ come la testata gioranlistica regionale direttamente dal territorio (share al 18,38% nell’edizione delle 14). E se si pensa che Skytg24 di lunedi’ scorso, a poche ore dalla scossa mortale, e’ stato seguito da oltre 3,7 milioni di contatti e i principali siti informativi hanno garantito una diretta web in tempo reale, si fa presto a fare un conto che sfonda i dieci milioni di persone. da: http://www.asca.it/
 
"I morti dell’Abruzzo sono i morti di tutta la nazione" queste sono le parole pronunciate dal premier Berlusconi qualche ora prima dei funerali di Stato. Una lunga fila di bare allineate nella Scuola Ispettori della Guardia di Finanza del capoluogo abruzzese; sono ben 205 le vittime che si stanno ricordando questa mattina nel corso dei funerali. Ad officiare il rito Monsignor Tarcisio Bertone, segretario di Stato Vaticano. Intanto continua la paura, la trema ha tremato ancora ed altri corpi vengono estratti ormai privi di vita dalle macerie. Attualmente il bilancio è salito a 289 morti. Tanti i presenti ai solenne funerali tra cui il Capo di Stato, Giorgio Napolitano. Nel messaggio del Papa, che si recherà a L’Aquila solo dopo la Santa Pasqua, si legge: "Impegno e sintonia con lo Stato". Tante le parole di conforto, diversi i progetti da vagliare per ricostruire e rianimare L’Aquila, una città diventata spettrale, e tante tante le lacrime versate e che ancora verseranno le migliaia di persone che hanno perso qualcuno o qualcosa ed il cui futuro potrà essre costruito solo attraverso il presente, perchè il passato lo ha cancellato materilmente "Madre natura". da: http://www.trcb.it/
 
…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

THE HUNGER SITE               POR LOS CHICOS