Abruzzo, 22 giugno 2009, ancora scosse.

TERREMOTO: FORTE SCOSSA AVVERTITA IN ABRUZZO E A ROMA
 
 
L’AQUILA – Una scossa di terremoto molto forte è stata avvertita intorno alle 23 all’Aquila, Teramo e Pescara. All’Aquila in particolare molta gente è uscita dalle tende e dalle case. La scossa è stata avvertita anche a Roma. La scossa di terremoto, avvenuta alle 22.58, è stata registrata dalle stazioni della rete sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica, i cui esperti l’hanno classificata di magnitudo 4,5. L’epicentro è stato localizzato nella zona dell’aquilano, in un’area compresa tra Pizzoli, Barete e L’Aquila. E’ stata una delle repliche più importanti del terremoto del 6 aprile scorso, che era stata di magnitudo 5,8. Secondo i dati rilevati l’epicentro della scossa è alla profondità di circa 14 chilometri dalla superficie terrestre. Al momento alla protezione civile non sono arrivate segnalazioni di danni a persone o cose.
BOSCHI(INGV),SCOSSA 40 VOLTE INFERIORE A 6 APRILE
La scossa registrata questa sera nell’aquilano è stata nettamente inferiore, in termini di energia liberata, di almeno 40 volte rispetto a quella registrata il 6 aprile scorso (5.8) . Lo precisa il direttore dell’Istituto di geofisica e vulcanologia (Ingv) Enzo Boschi. ‘La scossa – ha detto Boschi – anche se profonda ( circa 14 chilometri nel sottosuolo), e’ stata avvertita molto bene dalla popolazione ma rientra nel quadro dell’evoluzione del sisma che avevamo detto, avrebbe avuto code di 4-5 mesi; tale profondità dovrebbe aver limitato gli effetti negativi. Quest’ultimo evento, dunque – ha aggiunto Boschi – non modifica il quadro complessivo del sistema e non credo ci sano stati ulteriori crolli; quello che ha resistito alla prima scossa dovrebbe aver resistito anche a questa". ‘Ma il problema – ha concluso il direttore dell’Invg – ha conseguenze di tipo psicologico sulla popolazione perché le continue scosse creano paura e scoraggiamento". ( ANSA http://www.ansa.it ).
 
ROMA (22 giugno) – Alle 22,58 una forte scossa di terremoto è stata avvertita nell’Italia centrale. In Abruzzo molta gente è uscita dalle tende e dalle case. La magnitudo è stata calcolata dall’Ingv in 4,5 gradi della scala Richter, con un epicentro localizzato nella zona di Campotosto, una ventina di chilometri a nord del capoluogo abruzzese, a circa 14 chilometri di profondità. La sala situazioni del Dipartimento della Protezione civile comunica che i comuni più vicini all’epicentro sono quelli di Pizzoli, Barete e Cagnano.La scossa è stata avvertita anche a Roma, su tutto il territorio comunale. Numerose le chiamate al 115, ma al momento non si registrano danni a cose o persone.Nella giornata di oggi si erano registrate altre tre scosse: una notturna nella Valle dell’Aterno di magnitudo 2, una seconda di 2,1 Richter con epicentro l’Aquilano e una terza nel primo pomeriggio di magnitudo 2,9 sui Monti Reatini.
 
 
TERREMOTO ABRUZZO/ Forte scossa di 4.5 di magnitudo sentita anche a Roma. lunedì 22 giugno 2009: E’ stata di magnitudo 4.5 la scossa di terremoto che si è verificata alle 22.58. Lo rende noto la sala situazioni del Dipartimento della Protezione civile. I comuni più vicini all’epicentro sono quelli di Pizzoli, Barete e Cagnano che si trovano tutti in provincia dell’Aquila. Al Momento al Dipartimento non sono giunte segnalazioni di danni.  La scossa di terremoto, avvenuta alle 22.58, è stata registrata dalle stazioni della rete sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica, i cui esperti l’hanno classificata di magnitudo 4.5.  L’epicentro è stato localizzato nella zona dell’aquilano, in un’area compresa tra Tizzoli, Barete e L’Aquila. E’ stata una delle repliche più importanti del terremoto del 6 aprile scorso.  La scossa di terremoto è stata avvertita intorno alle 23 all’Aquila, Teramo e Pescara. All’Aquila in particolare molta gente è uscita dalle tende e dalle case. La scossa è stata avvertita anche a Roma. da: http://www.ilsussidiario.net
Advertisements