Il nulla

 
Rimango nascosto
al sicuro dentro casa
mi rifugio tra le mura
del mio piccolo castello
controllo sempre attento
che la porta sia ben chiusa
come a voler tener lontano
il dolore che  io sento
Ma quando ti accorgi
che non c’e’nulla fuori
e che quella fitta
che non ti abbandona mai
te la porti dentro
che fai, dimmi, cosa fai…
Ho interrotto la mia cura
non ho più pastiglie ora
che mi donavano il sorriso
anche quando le mie labbra
eran cosi sole, cosi’cbagnate
il mio corpo ormai
non la reggeva più
dovevo continuare
ma ho smesso…
Non so che fare
non so più
che Dio pregare
che mi doni una speranza
di non sentire più quel male
che mi porto dentro al cuore…
 
V.M.