Trentacinque

Se riesci a sopravvivere alle notti
passate ad occhi aperti a ricordare
quel corpo caldo che respira al tuo fianco
ora e’ perso via, lontano da qui,
che respira accanto a qualcun’ altro
Se riesci a sopravvivere al male
che le persone che piu’ ami
sanno farti senza ritegno
spezzando cio’ che nel tuo cuore vive
per sempre, per sempre…
Se sopavvivi alla solitudine
di quella casa adesso vuota
che mai piu di nessun altro
potra’ esser sua in quel modo
e sai che quel modo per te era tutto
per qualcuno e’ stato il nulla
Se sopravvivi a tutto questo
sono poche le prove della vita
davanti alle quali potrai capitolare…
35 è il numero di volte
che ho dovuto sfidare il mio destino
in questi ultimi due anni di paure
35, il numero di viaggi
alla metropolitana in quel di casa mia
che mi ha visto scendere nel mio silenzio
per avvicinarmi senza alcun timore
alla fine di ogni mio dolore
"un salto e via, tutto finisce
dal punto in cui il treno e’ piu veloce
e finalmente la mia testa non mi urla piu’
mi lascia solo il tempo per un ultimo respiro"
e ricomincia tutto dov’e’ cominciato
senza aver mai fatto male a nessuno…
Nessuno,nessun dolore
e’ proprio questo in me che sempre mi ha fermato
mi ha fatto andare avanti e indietro senza sosta
per la banchina buia di quella metro’
camminando sui tuoi passi ormai perduti
di quando lì partivi per il tuo cammino
Nessun ferito, nessun dolore
in cuore mio sapevo che non e’ cosi..
La mia famiglia, le mie bambine
e più di tutti la mia dolce madre
che ha vissuto una vita di dolore
dolore vero quello che in tutto
ti lascia mille cicatrici sulla pelle
Per te che adesso in tarda eta’ sei felice
ed hai quel poco che hai sempre sognato
ti avrei rubato tutto, in un istante
un istante di dolore ed egoismo
35 biglietti, sono tanti
se li metto in fila uno per uno
faccio il giro del mio letto per il lungo
Oggi finalmente e’ il grande giorno
in cui sicuro posso ormai buttarli via
Li ho tenuti, erano li’,
il monito di un amore ormai rubato
nato male, mal vissuto
e di certo peggio ancora ormai finito
Ora va bene madre mia, stai tranquilla
oggi vado a far felice il mio dovere
questo e’ il promo giorno della mia vita
un mondo nuovo, ormai sereno
che mi vede certo ormai molto cambiato
nella mia casa, tutta nuova
circondato di sole cose belle
Non vivo piu nel mio dolore
anche se sono ancora molti gli istanti
in cui sento il mio mare
ma non rubo piu del tempo alla mia vita
aspettandoti in silenzio al tuo lavoro
o di nascosto sotto la tua nuova casa
per vederti un sol istante ed andare via
non vengo piu a leggere nel tuo diario
o nelle pagine che in giro parlano di te
ormai lo so che non c’e’ nulla piu per noi
ora io vivo, ed un altra volta ricomincio
adesso 35 e’ solo un’ altra cosa da scordare.

V.M.