Il mio tempo

Qualcuno scrisse
nella notte dei tempi
che c’e’ un tempo giusto
per ogni cosa, per ogni cosa
oggi, nel silenzio d’ un istante
io qui scrivo del mio tempo
che fu’, che è, e spero che sarà…
C’e’ stato un tempo per gioire
gioire della vita e dell’ amore
e delle stesse cose poi
c’e’ stato il tempo per soffrire
c’e’ stato il tempo della coppia
e quello della solitudine
il tempo delle risate
e poi quello dei pianti
il tempo dei sogni e dei progetti
e quello dove tutto si e’ frantumato
il tempo per sentirsi uomo, vivo
e quello per non sentir più nulla
il tempo di una gioia estiva
ed il tempo del mare in inverno
cupo, tempestoso
c’e’ stato il tempo per la vita
e quello dominato
dal silenzio della minaccia
di una non vita devastante
Oggi, quasi timido
e’ giunto il tempo
per ricominciare
ricostruire piano
e con solide radici
cio’ che fu perduto
ed il tempo del mare negl’ occhi
si abbandona lentamente alla sua fine
per lasciar delicatamente spazio
ad un tempo per sorridere.
 
V.M.