L’ uomo dei ricordi

Quando ti trovi di fronte
ad un uomo che ostenta freddezza
nel suo sguardo acceso e cattivo
 come fosse annoiato da te
Se poi senti la sua indifferenza
la sua gelida mano scostante
quando vedi che nulla lo tocca
nemmeno il dolore più forte
Ed avverti che intorno a lui 
non cresce nient’ altro che sabbia
del deserto che si porta dentro,
io ti chiedo resta un istante a pensare
Pensare a chi hai tu di fronte
se per caso sia un gelido inverno
o un estate rapita dal vento
una tempesta cosi devastante
Ti chiedo solo un momento
per cercar di capire chi e’
se un orribile mercante di morte
un soldato al soldo del male
oppure un semplice uomo
che il male lo porta con se
Potrebbe essere vero il suo inverno
ma potrebbe anche esser diverso
un uomo dei ricordi che vaga
nel suo cammino distante da te
che per amore non più si avvicina
per non contagiare anche te
del suo male che pian piano lo strema
rammentando quell’ amore lontano 
che ormai più non c’e’.
 
 
V.M.