Situazione terremoti al 12 01 2010. L’ italia trema

Tre scosse di terremoto nelle Marche: la più intensa di magnitudo 4.0
L’epicentro del sisma è stato rilevato tra le province di Macerata e quella di Fermo

ANCONA (12 gennaio 2010) – Alle 9.25 di questa mattina nelle Marche è stata registrata una scossa di terremoto con una magnitudo di 4.0 sulla scala Richter. L’epicentro è stato individuato dai sismologi fra le province di Macerata e quella di Fermo. La Protezione civile ha anche comunicato che, poco prima, erano le 9.07, nella stessa area e con lo stesso epicentro, si era registrata un’altra scossa, ma di entità minore, pari a 2.9 della scala Richter. Alle 9.35, poi, una terza scossa ha fatto tremare ancora la terra, in questo caso è stata di magnitudo 2.6.  La Protezione civile ha poi precisato che dalle prime verifiche non ci sarebbero danni a persone o cose. da http://www.4minuti.it

 

TERREMOTO DI MAGNITUDO 3 TRA GIARRE E LINGUAGLOSSA, ALLE FALDE DELL’ETNA

12/01/2010 – Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 3 è stata registrata alle ore 23:15:45 italiane di ieri sera 11 gennaio 2010 dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico Etna, a 4.6 km. di profondità. Nelle ultime 3 settimane l’attività sismica sull’Etna e nelle località circostanti è stata molto intensa,
con una serie di scosse di varia intensità (fino a 4.6), circa 45 complessivamente, che
potrebbero preludere ad una nuova e intensa eruzione del vulcano.
In particolare i comuni in precedenza interessati più direttamente sono Randazzo, Bronte e Maletto, con un evento più diretto su Ragalna. In genere, però, la gran parte delle scosse registrate tra il 15 dicembre 2009 e i primi di gennaio 2010 hanno interessato un serie di comuni situati nell’area dell’Etna, tra le province di Catania e Messina, con particolare riferimento all’area dei Nebrodi.

I comuni entro i 10 Km. interessati dalla scossa di terremoto di ieri sera sono:

GIARRE (CT)
LINGUAGLOSSA (CT)
MILO (CT)
PIEDIMONTE ETNEO (CT)
SANT’ALFIO (CT)
SANTA VENERINA (CT)
ZAFFERANA ETNEA (CT)

 
Sciopero della fame a Sulmona
 
Una donna da 7 giorni per dare voce a cittadini Val Peligna
@@ (ANSA) – SULMONA (L’AQUILA), 10 GEN – Una donna da 7 giorni sta attuando lo sciopero della fame per dare voce ai terremotati dimenticati. Rosanna Sebastiani, vive dal 6 aprile fuori casa insieme al marito e ai suoi 2 figli perche’ la sua abitazione e’ inagibile. Vorrebbe andare in una casa in affitto, cosi’ come prevede la legge per l’autonoma sistemazione, ma dal Comune le hanno detto che non anticiperanno un euro.La donna lamenta che ‘e’ caduta una cortina fumogena su tutta la Val Peligna’.

 

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!
 

THE HUNGER SITE               POR LOS CHICOS

per sapere come funzionano le donazioni gratuite, clicca QUI

Annunci