Terremoto devasta Haiti, migliaia di persone tra le macerie

L’epicentro a 15 km dalla capitale Port-au-Prince. Nell’isola vivono una settantina di italiani.
Già in moto la macchina degli aiuti internazionali. Gli Usa: «Ci saranno molte vittime»

MILANO – Un terremoto di magnitudo 7 ha devastato martedì pomeriggio, la notte in Italia, l’isola di Haiti. Il sisma, o meglio un vero e proprio sciame sismico che ha fatto registrare una decina di scosse nel giro di poche ore (la prima attorno alle 23 italiane), ha avuto il suo epicentro ad una quindicina di chilometri dalla capitale Port-au-Prince e ha provocato numerosi crolli di edifici. Migliaia di persone sono rimaste sepolte sotto le macerie: gli Stati Uniti, che fin dall’inizio hanno monitorato da vicino la situazione, parlano di un probabile elevato numero di vittime. Tra gli immobili collassati ci sono numerosi ospedali e anche il palazzo presidenziale di Port-au-Prince. Il presidente Rene’ Preval è tuttavia vivo, secondo quanto hanno riferito fonti diplomatiche haitiane a Città del Messico.

GLI ITALIANI NELL’ISOLA – Sarebbero circa una settantina gli italiani che vivono nell’isola, secondo la stima diramata dalla nostra ambasciata di Santo Domingo. La Farnesina ha già attivato le proprie strutture per verificare se i nostri connazionali abbiano riportato conseguenze. Accertamenti sono poi in corso per verificare quanti possano essere gli italiani presenti nell’area per motivi turistici.

SCIACALLI IN AZIONE – Nel frattempo, c’è già chi ha iniziato ad approfittare del dramma collettivo che sta vivendo la nazione. Un gruppo di uomini e donne ha assaltato e depredato un supermercato nella Capitale, approfittando dei varchi apertisi nei muri e del fuggi fuggi generale. Altre azioni di sciacallaggio, secondo quanto hanno riferito fonti locali alle agenzie di stampa, si registrano in varie zone della capitale. Il sisma ha danneggiato anche gli edifici che ospitano la polizia e questo rende più difficoltose le operazioni di coordinamento dell’attività di controllo e repressione delle azioni criminali. Le condizioni di indigenza di gran parte della popolazione – Haiti è uno dei Paesi più poveri del mondo, il più povero in assoluto di tutto il continente americano – rischiano di rendere esplosiva la situazione. Nel Paese opera dal 2004 anche una forza militare multinazionale sotto l’egida dell’Onu e guidata dal Brasile

GLI AIUTI INTERNAZIONALI – Il segretario di stato Hillary Clinton ha detto che gli Stati Uniti faranno subito la loro parte per assicurare ad Haiti la massima assistenza possibile. «Siamo pronti a inviare mezzi civili e militari per aiutare le persone colpite dal disastro – ha spiegato la Clinton -. Siamo inoltre pronti a mandare la assistenza umanitaria necessaria». Parole poi ribadite anche dallo stesso presidente Usa, Barack Obama Ma è stata tutta la macchina internazionale dei soccorsi a mettersi subito in moto. Oltre che dagli Usa, anche da Italia, Francia, Canada sono stati annunciati aiuti e soccorsi a destinazione Port-au-Prince. Sul fronte Onu, il portavoce dell’Uffico per il coordinamento delle questioni umanitarie (Ocha), Stephanie Bunker, ha indicato che l’organizzazione ha diramato un messaggio di allerta a tutti gli uffici nel mondo per preparare una mobilitazione massima dei soccorsi a destinazione Haiti. Gli Stati uniti hanno già assicurato l’invio di una squadra dell’agenzia di aiuti allo sviluppo UsAid con 72 operatori e 6 cani specializzati nella ricerca di persone prigioniere delle macerie. Con loro porteranno ad Haiti 48 tonnellate di attrezzature ed equipaggiamento di primo soccorso, accompagnati da esperti di catastrofi naturali.

L’INTERVENTO DELL’ITALIA – Il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini, ha spiegato che l’italia «non lesinerà sforzi per essere in concreto vicina alla popolazione haitiana, e naturalmente agli italiani presenti nell’area del terremoto». Il governo venezuelano ha annunciato l’invio di «una squadra di aiuto umanitario» composta di cinquanta uomini con beni alimentari e medicinali. Anche Parigi ha fatto sapere che invierà «immediatamente» nella capitale haitiana, Port au Prince, devastata dal sisma, aiuti d’urgenza. Tutti i paesi dell’America latina hanno mostrato la loro disponibilità ad inviare aiuti. In particolare dal Brasile il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha espresso la sua "grande inquietudine", in particolare per la sorte dei 1.200 soldati brasiliani che lavorano per la missione di stabilizzazione dell’Onu nel paese (Minustah). La Banca interamericana di sviluppo (BID) ha sbloccato aiuti d’urgenza per 200.000 dollari.

da: www.corriere.it

 

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!
 

THE HUNGER SITE               POR LOS CHICOS

per sapere come funzionano le donazioni gratuite, clicca QUI