Le ninfee di Monet

Sento la tua pelle
sotto le mie dita
scorre nel piacere
del contatto dell’ amore
la sento morbida
come la ricordo
scivola leggera
come un sogno…
Sento il tuo cuore
lo sento battere
risuona forte
in quel tuo petto
cosi bramato dai miei sensi
sento i tuoi pensieri
la tua mente
come sempre l’ ho sentita
non so perche’
ma e’ cosi’ da sempre
ancor da prima
che noi due ci incontrassimo
Sento, ti sento sempre
cosi’ infelice, triste
con quelle lacrime dentro
sfogate con la rabbia
di chi non sa piagere
ti sento quando ti circondi
di mille cose ed ancora
nel tentativo disperato
di trovar soddisfazione
Sento il male
per cio’ che hai perduto
e forse piano
la tua coscenza vien pagando
ma io sappi
non son piu’ adirato
ho trovato vita
andando oltre la vita
ho trovato la gioia
scivolando nell’ oblio
nel cercare di trovare
un amore oltre i sospiri
Sii serena nel tuo essere
forse un giorno nel mio mondo
anche tu ritornerai
quando il corpo anche tu avrai perduto
e nei campi sterminati
di tulipani rossi al sole
e di laghetti decorati
dalle ninfee di Monet
mano per mano ancora
voleremo via…
 
 
V.M.