Dal libro “La donna che reggeva il cuore”Edizioni Damiano

Ti respingo per non ferirmi
Opero una ferma convinzione del tuo racconto,mentre osservo aggiustare composto le linee del tuo insieme.Il riguardo attento tra le ciglia discrete che ascoltano.Non ho sospetti.
E’ tardi per averne.Ci sono stati tempi di attenzione alle tue righe.Ora indugio solo all’eco della profezia.L’ho conosciuta la tua vita.L’ho conosciuta tra i termini del sommesso.Nelle penombre trasportate dall’impulso del volere.Sono stata giorni in attesa sulla soglia del tuo ingresso.Ferma e composta mentre le ore segnavano il tempo solo sul mio viso.Un rosso affievolito dalla lingua che toccava le labbra asciugandosi il tratto.La sola capacità era l’effettiva somma del dolore.L’ho addizionato.Di seguito frazionato.
Mi sono resa invisibile dietro il viale dell’affranto alimentandomi della speranza .Senz’aria.
Ho raccolto il solco dell’insana rassegna.Rude a segnare l’angolo della bocca.
Ho nascosto l’apice del delirante consumo della tua carne.
Mi sono cibata del vero senza inganno.
Ti ho ricoperto di foglie ingiallite d’autunno.Ti ho rivestito di teli a nasconderne i contorni.
Una tale risoluzione che ancora oggi mi distrae.
Le tenebre hanno prenotato una scommessa nel debito caparbio ,per l’aspirazione del mio indugio
Ed ora vogliono riscuotere il denaro
La profezia asciuga la merce raccogliendo il tuo ruolo.
Ti respingo
La teoria del termine accosta solo il mio volere.
Siedi ad attendere lungo i miei respiri.
Cospargiti di rughe infinite tra le smorfie dei tuoi sorrisi.Cresci nel dolore dell’attesa.
Paga il debito ora.
 
 

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!
 

THE HUNGER SITE               POR LOS CHICOS

oppure sostieni il terzo mondo adottando un bambino a distanza

ACT!ONAID.IT

per sapere come funzionano le donazioni gratuite, clicca QUI

HOME