GIAPPONE: NUOVA ESPLOSIONE A CENTRALE NUCLEARE FUKUSHIMA.

GIAPPONE: NUOVA ESPLOSIONE A CENTRALE

NUCLEARE FUKUSHIMA.

Il bilancio della tragedia: si temono 10mila morti.

Una nuova esplosione si e’ verificata nelle centrale atomica di Fukushima in Giappone, colpito venerdi’ dal sisma di 8.9 gradi della scala Richter e dallo tsunami che ne e’ seguito.

Secondo le prime informazioni, riportate da Juji Press, che cita l’azienda Tepco, gestrice dell’impianto, anche il sistema di raffreddamento del reattore 2 della centrale sarebbe completamente fermo, cosi’ come avvenuto nei giorni scorsi per i reattori uno e tre.

AIEA: LIVELLO ”NORMALE” RADIAZIONI A CENTRALE FUKUSHIMA.

I livelli di radiazioni alla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone, colpita oggi da una seconda esplosione dopo quella verificatasi sabato, sono ”normali”. Lo afferma l’Aiea, l’Agenzia dell’Onu per l’energia atomica. ”Le misurazioni dei livelli di radioattivita’, effettuate ieri in quattro punti nei pressi della centrale nel giro di 16 ore, sono normali”, afferma l’Aiea in una nota. L’esplosione di oggi – affermano le autorita’ nipponiche -, che ha causato il ferimento di 6 persone, non avrebbe danneggiato il reattore nucleare e non ci sarebbe stato alcun aumento nei livelli di radioattivita’.

BILANCIO CATASTROFICO, SI TEMONO OLTRE 10MILA MORTI.

Sono oltre 5 mila i dispersi e le vittime del violento terremoto e dello tsunami che venerdi’ scorso hanno colpito il Giappone. Lo riferisce l’agenzia Kyodo news, dopo che circa 2.000 corpi sono stati rinvenuti stamane lungo le coste della prefettura di Miyagi. La polizia locale e i vigili del fuoco, riporta l’agenzia, sono all’opera per recuperare gli oltre 200 cadaveri ritrovati a Sendai.

La televisione di stato Nhk parla invece di 1.596 vittime certe e oltre 10 mila dispersi. Solo la prefettura di Miyagi, si legge sul sito web dell’emittente, ha confermato 643 morti.

Ad Arahama sono stati rinvenuti sulle spiagge circa 300 cadaveri, probabilmente vittime dello tsunami. Nella citta’ costiera di Minamisanriku numerose strutture ed abitazioni sono state spazzate via dalle gigantesche onde che si sono abbattute sulla costa. Piu’ della meta’ della popolazione – si parla di 10.000 persone su un totale di 17.000 residenti – risulta dispersa.

Secondo Nhk, inoltre, le operazioni di soccorso sono ostacolate dalle macerie e circa 300.000 persone sono distribuite per gli impianti di evacuazione delle 6 prefetture di Tohoku.

Intanto questa mattina una nuova scossa ha fatto tremare il Giappone: nella notte i sismografi hanno registrato un episodio di magnitudo 6.2. L’Agenzia metereologica giapponese ha lanciato un nuovo allarme tsunami, poi rientrato.

Nella centrale nucleare di Fukushima si sono invece registrate due nuove esplosioni che hanno ferito sei persone.

Il portavoce del governo giapponese, Yukio Edano, ha precisato che il reattore non ha riportato danni e ha definito ”basso” il rischio di una fuga radioattiva. Quanto agli italiani presenti sul territorio nipponico, la Farnesina ha confermato che mancano all’appello cinque connazionali che erano presenti nelle aree colpite.

da:  http://www.asca.it

Annunci