Sud Sudan, esercito riprende il controllo in Oriente

Sud Sudan, esercito riprende il controllo in

Oriente

L’ esercito del Sud Sudan ha ripreso una città orientale catturato dai ribelli, due settimane fa, un portavoce militare ha detto il Lunedi, in un conflitto che ha sradicato migliaia di persone e dei piani di governo ostacolato da esplorare per il petrolio.

southsudan-300x217

Il portavoce dell’esercito Philip Aguer detto quattro soldati e una dozzina di ribelli sono stati uccisi nel corso di una breve battaglia di Domenica di riconquistare città Boma in stato di Jonglei, dove il governo vuole cercare di olio con l’aiuto della francese Total.
“The SPLA (Esercito) ordine restaurato e il controllo di Boma ieri. Ero lì me stesso “, ha detto a Reuters Aguer.
Allora Pietro Konyi Kubrin, un portavoce dei ribelli noto anche come il Sudan dell’Esercito democratico del Sud, ha negato di aver perso la città.
Dopo aver vinto l’indipendenza dal Sudan nel 2011, il Sud Sudan sta lottando per imporre la sua autorità attraverso vaste fasce di territorio inondato di armi, dopo decenni di guerra civile con Khartoum è conclusa con un accordo di pace nel 2005.
leader ribelle David Yau Yau, un ex studente di teologia, ha sollevato una rivolta nel 2010 dopo non essere riuscito a vincere un seggio nelle elezioni locali . Ha accettato l’amnistia nel solo 2011 per riprendere le armi dopo un anno per terminare ciò che manifesto del suo gruppo chiama la corruzione e il dominio ingiusto del partito di governo.
Gli Stati Uniti e diverse potenze europee ha esortato il governo a trovare una soluzione politica al conflitto .
“Ci teniamo a sottolineare che il peggioramento della situazione in Jonglei Stato richiede una soluzione politica e non militare”, ha detto un comunicato da diverse ambasciate occidentali nella capitale Juba.
Le ambasciate si sono detti allarmati dalla recente saccheggio di case private e di composti di stranieri gruppi di aiuto a Pibor, un’altra città in Jonglei, che l’esercito ha attribuito a funzionari statali della fauna selvatica che disertò per i ribelli.
medici di beneficenza Medici Senza Frontiere ha detto loro ospedale Pibor era stato sistematicamente distrutto recentemente, privando circa 100.000 persone di accesso alle cure sanitarie.
Oltre 1.600 persone sono state uccise in violenze nel Jonglei, in gran parte però bestiame interetniche razziare le comunità, dal momento che il Sud Sudan ha ottenuto l’indipendenza, le Nazioni Unite dicono.

da: http://www.africa-times-news.com/2013/05/south-sudan-army-retakes-control-in-east/

——————————————-

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

www.thehungersite.com                    www.porloschicos.com

oppure sostieni il terzo mondo adottando un bambino a distanza con

www.actionaid.it

HOME