Il massacro continua…Da Avaaz per il Ruanda

Cari amici,

Molti di noi non avevano idea di chi fossero i ruandesi finché non ne furono uccisi 800mila. Ora, il destino del popolo dei rohingya in Birmania è minacciato da linciaggi di massa, con la polizia che sta a guardare. Il presidente birmano potrebbe fermare la violenza approvando un piano per proteggerli, assicurandosi che venga rispettato, e garantendo loro la cittadinanza.Appelliamoci ai capi di stato europei affinché facciano pressione su di lui quando lo incontreranno tra pochi giorni, e impediamo così che avvenga un altro Ruanda:

Molti di noi non avevano idea di chi fossero i ruandesi fino a che è diventato troppo tardi e 800mila di loro erano già stati massacrati. In questo momento sul destino del popolo rohingya incombe una grave minaccia. Violenti gruppi razzisti hanno distribuito volantini in cui minacciano di spazzare via questa piccola minoranza birmana. Sono stati trucidati bambini e commessi delitti raccapriccianti. Tutti i segnali dicono che sta per succedere qualcosa di orribile, se non agiamo.

I genocidi accadono perché non ci preoccupiamo abbastanza finché non diventa troppo tardi. Il popolo rohingya è pacifico e molto povero. Sono odiati perché hanno la pelle più scura e la maggioranza teme che stiano “rubando posti di lavoro”. Sono 800mila e potrebbero sparire se non agiamo. Abbiamo fallito con troppi popoli, non falliamo di nuovo con i rohingya.

ruanda

Il presidente birmano Thein Sein ha il potere, il personale e le risorse per proteggere i rohingya, basta una sua parola. Tra pochi giorni, arriverà in Europa per sfruttare commercialmente la nuova immagine di apertura del suo paese. Se i leader dell’UE lo accoglieranno chiedendo con forza di proteggere i rohingya, probabilmente li ascolterà. Raccogliamo 1 milione di persone e ricopriamo l’intera area che circonda la sede dell’incontro con i capi di stato europei con immagini di quello che sta accadendo in Birmania:

https://secure.avaaz.org/it/burma_the_next_rwanda_loc/?biLtvdb&v=26504

Torture, stupri di gruppo e delle vere e proprie esecuzioni: le organizzazioni umanitarie usano ormai il termine “pulizia etnica” per descrivere la brutalità in Birmania. Già oltre 120mila rohingya sono stati costretti a scappare, molti in campi di fortuna vicino al confine, mentre altri sono fuggiti usando imbarcazioni di fortuna, per poi affondare, morire di fame o essere fucilati dalle guardie costiere dei paesi vicini. Tutti i racconti concordano sul fatto che le violenze stanno aumentando: nei mesi scorsi il presidente Thein Sein ha dichiarato lo stato d’emergenza dopo un’altra serie di attacchi omicidi, e un massacro di massa è ormai solo una questione di tempo.

I genocidi non avvengono se i governi vi si oppongono, ma il regime birmano fino a ora si è schierato dalla parte sbagliata. Recentemente, un portavoce del governo ha ammesso che le autorità stavano addirittura imponendo alla popolazione rohingya un limite di due figli e forzando le coppie che volevano sposarsi a richiedere un permesso speciale. Esperti dicono che le autorità governative sono state dalla parte o addirittura hanno partecipato ad atti di “pulizia etnica”. Il Presidente Sein è stato finalmente forzato a riconoscere quello che sta accadendo in Rohingya, ma fino a ora si è rifiutato di attuare piani per fermare la violenza e proteggere le persone in pericolo.

Finché non lo farà, il rischio di un genocidio incombe non solo sulla Birmania, ma sul mondo intero. Attraverso le loro relazioni commerciali, il primo ministro inglese Cameron e il presidente francese Hollande hanno un enorme potere contrattuale nei confronti di Sein: se gli faranno pressione affinché agisca quando lo incontreranno questo mese, si potrebbero salvare moltissime vite. Facciamo in modo che tutto ciò succeda. Abbiamo fallito con troppi popoli, non falliamo con i rohingya. Unisciti subito alla richiesta e condividi questo appello con tutti:

https://secure.avaaz.org/it/burma_the_next_rwanda_loc/?biLtvdb&v=26504

Innumerevoli volte la comunità di Avaaz si è schierata dalla parte del popolo birmano nella sua lotta per la democrazia. Quando il regime ha reagito brutalmente contro i monaci buddhisti nel 2007, gli Avaaziani hanno donato centinaia di migliaia di dollari/euro/sterline per fornire supporto tecnico e formazione per gli attivisti in modo da aiutarli a superare il blocco delle comunicazioni. Nel 2008 quando un ciclone devastante ha ucciso almeno 100.000 birmani, mentre il regime militare impediva l’ingresso a tutti gli aiuti internazionali ufficiali, la nostra comunità ha donato milioni come aiuto umanitario direttamente ai monaci.

La nostra comunità non esisteva quando fu commesso il genocidio in Ruanda, 20 anni fa. Avremmo fatto abbastanza per impedirlo? Mostriamo ai rohingya cosa possiamo fare ora, per loro.

Con speranza e determinazione,

Luis, Jeremy, Aldine, Oliver, Marie, Jooyea e tutto il team di Avaaz

PS – Molte campagne di Avaaz vengono lanciate dai membri della nostra comunità! Lancia ora la tua e vinci su temi di qualsiasi tipo a livello locale, nazionale o globale: http://www.avaaz.org/it/petition/start_a_petition/?bgMYedb&v=23917

ULTERIORI INFORMAZIONI

I fanatici buddhisti (Il Post)
http://www.ilpost.it/2013/06/25/estremisti-buddhisti-birmania/

Birmania, limite di due figli per le famiglie Rohingya L’Onu: una norma discriminatoria da ritirare (Corriere della Sera)
http://lepersoneeladignita.corriere.it/2013/06/02/birmania-limite-di-due-figli-per-le-famiglie-rohingya-lonu-una-norma-discriminatoria-da-ritirare/

Yangon, monaci e cittadini in piazza in difesa del buddismo. Attivista: Temiamo nuove violenze (Asia News)
http://www.asianews.it/notizie-it/Yangon,-monaci-e-cittadini-in-piazza-in-difesa-del-buddismo.-Attivista:-Temiamo-nuove-violenze-28349.html

Myanmar. Appello dei leader religiosi: pace e armonia unica via di sviluppo (Radio Vaticana)
http://it.radiovaticana.va/news/2013/06/28/myanmar:_appello_dei_leader_religiosi:_pace_e_armonia_unica_via_d/it1-705616

Sostieni la comunità di Avaaz!
Siamo interamente finanziati dalle donazioni e non riceviamo contributi da governi o multinazionali. Il nostro team di primo livello fa in modo che anche la più piccola donazione contribuisca a raggiungere i nostri obiettivi. Fai una donazione ad Avaaz

——————————————-

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

www.thehungersite.com                    www.porloschicos.com

oppure sostieni il terzo mondo adottando un bambino a distanza con

www.actionaid.it

HOME

web analytics