Dialoghi spirituali con J

J Buongiorno

M …non so se definirlo tale…

J che cos’ hai?

M sono arrabbiato con…,lui non mi capisce, continua ad insultarmi…

J capisco…

M cosa capisci? che sono arrabbiato?

J che siete arrabbiati perche’ non vi capite

M no, non capisci, lui non capisce me

J e tu capisci lui?

M Certo!

J come mai ti offende?

M ma te l’ ho detto, perche’ non mi capisce!

J e come mai non ti capisce…

M e cosa ne posso sapere io…mi ha preso in antipatia…

J e come mai?

M ma non sono mica nella sua testa, cosa vuoi che ne sappia

J da qui il fatto che avete litigato…

M cioe’?

J se due persone parlano e non si capiscono presto o tardi giungono alla fine della strada…due macchine in un senso unico prima o dopo si scontrano…

M vero ma uno dei due ha il diritto di precedere, l’ altro no…

J e qui chi lo stabilisce il diritto di precedere…tu o lui…

M la ragione, penso…

J e come fai a sapere che hai ragione…sai perche’ lui e’ davvero arrabbiato con te?

M ma te l’ ho gia’ detto, non mi capisce…

J ed a chi pensi che tocchi il fatto di farsi capire…a te o a lui…ed inoltre, pensi che lui si senta capito?

M forse no…

J forse non siete poi cosi’ diversi, non pensi?

M ma io non offendo!!!

J cos’e’ che ti offende…

M per esempio le brutte parole…

J e lui per cosa si sente offeso…

M non so…

J non pensi sia il caso di chiederglielo?

M e perche’ dovrei farlo io???

J e perche’ no…se davvero sei cosi’ forte da possedere la ragione, perche’ non dovresti esserlo per fare un primo passo verso l’ altro…

M non me la sento…

J va bene

M va bene cosa?

J che tu non te la senta…

M ma allora perche’ tutti que tuoi discorsi…

J io ti posso dire cosa e’ giusto per me, non per te, ed ancor meno posso obbligarti a fare. quello lo decidi tu…

M…

J cio’ che conta e’ comprendere cos’e’ ragione e cos’e’ giusto o sbagliato…

M grazie…

J…grazie a te.

————————————–

Preghiera della vita, di Gabiel

Grazie mio divino creato
per cio’ che sono e che non sono
perche’ oggi so
che sono il meglio che posso essere, sempre…
Grazie perche’ non mi hai donato fede
perche’ cosi’ non posso tradirla
grazie per non avermi dato un Dio
cosi che io viva il mio Dio dentro
grazie per il fatto che io non creda nel bene
perche’ cosi’ non vi e’ nemmeno il male
grazie perche’ sia naturale il mio sorriso
le mie carezze, i miei baci
perche’ altro non potrei dare, fare, essere…
grazie per l’ amore che mi hai donato
perche’ cosi forte da non lasciare spazio all’ anti amore…
grazie per il mio buio, per la mia luce…
perche’ il mio bambino gioca nel chiaroscuro
grazie per la mia tristezza…grazie per questa…
la mia malinconia…quanta bellezza c’e’ in essa…
tutti la rifuggono, eppure e’ stupenda…
grazie per la mia gioia, che irradia il sole
anche quando sole non ce n’e’
grazie, divino creato…grazie, per me.

———————————–

…com’e’ difficile, per me, seguire la giusta strada che mi conduce a voi, esseri diversamente in vita…il mio retaggio, cosi’ differente, cosi’ lontano..quell’ unica via che mi hanno insegnato, che porta in ben altri luoghi segreti ed oscuri…eppure io scelgo, ogni giorno, scelgo te, fratello mio, il tuo amore, la tua luce, piegando le mie carni al mio dolore, nel silenzio, nell’ amore…questa e’ la mia prova, ultima di mille vite antiche…fratello, tu, io , insieme, sempre…G.
————————————
…che sia attraverso un figlio o un compagno, che sia nella materia o dalla materia all’ oltre…quando ami, il dolore piu’ grande sta nel lasciare andare chi soffre accanto a te e la forza piu’ grande sta nel sostenere questa scelta nel tempo…se arriverai a saper fare questo, tu trascenderai l’ uomo, figlio mio…G.
—————————————
In colloquio da J…cronache di un viaggio astrale……maestro, come fanno le persone a non vedere, a non capire il buono che doni loro…

prendi in mano una pala e scava una buca…due metri per un metro, profonda due metri…
alla fine del mio scavo, il maestro mi osservava dall’ alto e mi chiese…come stai?
io risposi “stanco sporco e sudato e con una pessima sensazione…mi sembra di stare nella buca di una bara, in piu’ ho male alle mani e fare questa cosa mi ha dato fastidio…
ecco rispose lui, tu vivi da quello che io ho donato a te del male, io ci vedo molto di buono…ho innanzi a me un onesto lavoratore, grazie al quale sento il profumo della terra appena smossa, hai fatto una buca perfetta per un albero che volevo piantare esattamente qui, e siccome sei arrabbiato non hai guardato che sul fondo della buca che hai scavato c’e’ una pietra con un minerale raro e costoso che mi fara’ ben guadagnare…vedi figlio mio, la stessa esperienza ha sapori completamente diversi, per noi due che la viviamo in modi diversi…eppure come ho gia’ detto, e’ la stessa esperienza…
——————————————–
Sull’Amore”…diamo il giusto senso alle parole,
che fraintendimenti non abbiano mai ad esistere,
amiamo il piu’ possibile affinché l’amore
divenga energia a servizio del mondo,
confrontiamoci riflettendo, comprendendo i perche’
di chi abbiamo innanzi,
rispettate l’altro senza pero’ condividerne le ingiustizie,
non facciamo finta di non saper comprendere
cio’ che e’ giusto solo perche’
pensiamo di fare l’ interesse dell’altro…
agiamo, con amore…così si cambia il modo…G”

—————————————
…fermati, siediti ed ascoltati, guarda con attenzione a cio’ che fai…se il pensiero non e’ conforme all’ azione, crea distonia ed incoerenza, ma se non c’e’ comprensione di cio’ si arriva alla mancanza di consapevolezza di cio’ che e’…da li si arriva a perdere il contatto con la realta’…G.
 ———————————–
…quando il “normale” supera di gran lunga il sogno, sei giunto nell’ amore…G
 ———————————–
..quando Lui mi parla, non riesco a non piangere per la gioia..G
———————————-

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

www.thehungersite.com                    www.porloschicos.com

oppure sostieni il terzo mondo adottando un bambino a distanza con

www.actionaid.it

 HOME

”web