Mama Africa

14328_565339193492170_4663636_n

La nostra associazione “Mama Africa” é nata grazie a Enzo Liguoro: “papà Enzo”
Enzo Liguoro è stato docente di geografia politica per 35 anni. Viaggiatore, fotografo, innamorato dell’Africa, dopo il suo primo viaggio in Congo restò toccato dalle difficoltà e sofferenze della gente del posto. Era il 1981 e fu allora che prese la decisione di fare qualcosa di reale per dare una mano ai fratelli africani. Dal 1983 ha fatto arrivare qui in Italia 8 ragazzi, 6 del Congo e due del Togo, tutti orfani di entrambi i genitori o gravemente malati. Hanno vissuto presso di lui e tuttora ha in adozione ancora due di essi. Dall’83 ha continuato a fare del volontariato recandosi spesso nei seguenti Paesi: Ghana, Togo, Congo, Burkina Faso, Benin, Tanzania, Mozambico. I suoi viaggi si sono sempre piu trasformati in “viaggi umanitari” con l’interesse primario verso malati, orfani, donne anziane e povere, bambini non scolarizzati. Con il tempo, incoraggiato da amici, associazioni, enti locali, scuole ha creato un’ associazione con il solo scopo di realizzare micro-progetti laddove c’era urgente necessità di interventi . Mama Africa è diventata poi onlus e partecipa anche alla sottoscrizione del 5 per mille. Nel giugno 2006 finalmente la pensione! “Finalmente”, poiché solo in questo modo ha potuto dedicarsi totalmente alla realizzazione del suo sogno: una casa-famiglia per bambini orfani nel villaggio di Togoville ( Togo), un villaggio dove ci si arriva in piroga, completamente isolato che vedeva decine di bambini di strada, completamente abbandonati a causa della perdita dei genitori.
I lavori della costruzione della struttura li ha realizzati con la propria liquidazione di fine rapporto lavoro.
In seguito non sono mancati attestati di solidarietà concreta come la visita di due Sindaci del Vesuviano, docenti, studenti universitari, volontari, missionari. E’ dal 2006 che il professore vive stabilmente in Africa, tornando di tanto in tanto in Italia per curarsi dalle patologie che inevitabilmente lo colgono ed anche per cercare fondi da destinare per la continuità o realizzazione di nuovi progetti.

Un grazie a Katia Vajani per l’articolo

10365969_10202017015452066_8433499688607413609_n

—————————————

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

www.thehungersite.com                    www.porloschicos.com

oppure sostieni il terzo mondo attraverso le adozioni ed i porgetti di

www.mamafrica.it

www.actionaid.it                                     www.weareonlus.org

 HOME

web analytics