Cina a Usa: intrusioni vostre navi rischiano di causare una guerra

The US Navy guided-missile destroyer USS Lassen sails in the Pacific Ocean in a November 2009 photo provided by the U.S. Navy. The U.S. Navy sent a guided-missile destroyer within 12 nautical miles of artificial islands built by China in the South China Sea on October 27, 2015, a U.S. defense official said, in a challenge to China's territorial claims in the area. The official said the USS Lassen was sailing near Subi and Mischief reefs in the Spratly archipelago, features that were submerged at high tide before China began a massive dredging project to turn them into islands in 2014.  REUTERS/US Navy/CPO John Hageman/Handout via Reuters ATTENTION EDITORS - FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS. THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. IT IS DISTRIBUTED, EXACTLY AS RECEIVED BY REUTERS, AS A SERVICE TO CLIENTS      TPX IMAGES OF THE DAY

(AGI/REUTERS) – Pechino, 30 ott. – Sale alle stelle la tensione tra Cina e Stati Uniti sulle isole contese nel Pacifico. Il comandante della marina cinese ha avvertito esplicitamente e minacciosamente il suo omologo americano che c’e’ sempre il rischio che anche “un incidente di ridotta portata possa innescare una guerra” se gli Stati Uniti continueranno “con i loro atti provocatori” nel Mar Cinese Meridionale. Cosi’ l’ammiraglio Wu Shengli rivolto all’omologo Usa, l’ammiraglio John Richardson, durante una videoconferenza ieri in serata, il cuin contenuto e’ stato divulgato oggi dal comando della marina di Pechino. L’avvertimento giunge a pochi giorni dalla prova di forza Usa che martedi’ hanno fatto entrare il cacciatorpediniere Uss Lassen entro le 12 miglia nautiche di quelle che – solo per Pechino – sono acque territoriali cinesi, intorno all’isola artificiale costruita dal nulla di Mischieef Reef nell’arcipelago delle Spratly.
“Se gli Stati uniti continueranno con questo tipo di azioni pericolose e provocatoria, ci potra’ essere una grave situazione di pressione tra le due forze in prima linea da entrambe le parti, sia in mare che in aria, o anche un minore incidente che potrebbe innescare una guerra” Io “spero – prosegue il comunicato che gli Usa apprezzino le buone relazioni le navi cinesi e statunitensi, che non sono state ottenute facilmente, e evitino che questo genere di incidenti si verifichino ancora”. Prima di questa dichiarazione di fuoco, un ufficiale Usa aveva confermato che i comandanti delle due marine hanno confermato di mantenere aperti i canali di dialogo e di seguire i protocolli militari per evitare scontri. Al momento restano confermate le rispettive visite di unita’ cinesi e statunitensi in porti di Washington e Pechino, e la visita nella capitale cinese del comandante delle forze Usa nel pacifico, l’ammiraglio Harry Harris.
Allo stesso tempo il Pentagono conferma che effettuera’ altre azioni – proprio quelle che la Cina oggi ha ribadito non vuole che si ripetano – come quella che ha visto protagonista martedi’ il Lassen per “proteggere i diritti, le liberta e le leggi del mare e dello spazio aereo (valide) per tutte le nazioni secondo il diritto internazionale”. Il diritto della navigazione non riconosce alcun diritto di sovranita’ alle strutture artificiali create dall’uomo in mare, proprio come le decine di basi artificiali realizzate da Pechino. (AGI) .

—————————————

…ed intanto che sei qui ricordati di cliccare i siti ed i sottolink. E’ gratis, ci vuole solo un minuto e puoi salvare molte vite!!!

www.thehungersite.com                    www.porloschicos.com

oppure sostieni il terzo mondo attraverso le adozioni ed i porgetti di

www.mamafrica.it

www.actionaid.it                                     www.weareonlus.org

 HOME

web analytics

Annunci